Archivi categoria: Avvisi

200000

Annunci

Lascia un commento

13/06/2017 · 09:32

2017: peace & love

happy_new_year

Lascia un commento

01/01/2017 · 06:24

Buon Natale da Illuminationschool

haring_christmas

Bob Dylan legge  Twas the Night Before Christmas, di Clement Clarke Moore (1823).

Buon Natale a tutti!

‘Twas the night before Christmas, when all through the house
Not a creature was stirring, not even a mouse;
The stockings were hung by the chimney with care,
In hopes that St. Nicholas soon would be there;
The children were nestled all snug in their beds;
While visions of sugar-plums danced in their heads;
And mamma in her ‘kerchief, and I in my cap,
Had just settled our brains for a long winter’s nap,
When out on the lawn there arose such a clatter,
I sprang from my bed to see what was the matter.
Away to the window I flew like a flash,
Tore open the shutters and threw up the sash.
The moon on the breast of the new-fallen snow,
Gave a lustre of midday to objects below,
When what to my wondering eyes did appear,
But a miniature sleigh and eight tiny rein-deer,
With a little old driver so lively and quick,
I knew in a moment he must be St. Nick.
More rapid than eagles his coursers they came,
And he whistled, and shouted, and called them by name:
“Now, Dasher! now, Dancer! now Prancer and Vixen!
On, Comet! on, Cupid! on, Donner and Blitzen!
To the top of the porch! to the top of the wall!
Now dash away! dash away! dash away all!”
As leaves that before the wild hurricane fly,
When they meet with an obstacle, mount to the sky;
So up to the housetop the coursers they flew
With the sleigh full of toys, and St. Nicholas too —
And then, in a twinkling, I heard on the roof
The prancing and pawing of each little hoof.
As I drew in my head, and was turning around,
Down the chimney St. Nicholas came with a bound.
He was dressed all in fur, from his head to his foot,
And his clothes were all tarnished with ashes and soot;
A bundle of toys he had flung on his back,
And he looked like a pedler just opening his pack.
His eyes — how they twinkled! his dimples, how merry!
His cheeks were like roses, his nose like a cherry!
His droll little mouth was drawn up like a bow,
And the beard on his chin was as white as the snow;
The stump of a pipe he held tight in his teeth,
And the smoke, it encircled his head like a wreath;
He had a broad face and a little round belly
That shook when he laughed, like a bowl full of jelly.
He was chubby and plump, a right jolly old elf,
And I laughed when I saw him, in spite of myself;
A wink of his eye and a twist of his head
Soon gave me to know I had nothing to dread;
He spoke not a word, but went straight to his work,
And filled all the stockings; then turned with a jerk,
And laying his finger aside of his nose,
And giving a nod, up the chimney he rose;
He sprang to his sleigh, to his team gave a whistle,
And away they all flew like the down of a thistle.
But I heard him exclaim, ere he drove out of sight —
“Happy Christmas to all, and to all a good night!”

Lascia un commento

22/12/2016 · 00:40

150000 contatti

illuminationschool_150

Lascia un commento

10/10/2016 · 17:16

Esami di stato 2017: la prova di italiano

24x10 - Bart

Non si azzardano previsioni, ma qualche buona lettura di “saggi brevi d’autore” – aggiornati nei contenuti ed ineccepibili nella forma – può aiutare ad affrontare meglio la prova. Consultate a piacere qualche articolo dal sito http://www.illuminations-edu.blogspot.it/ (uno per ciascuno degli ambiti del saggio breve ministeriale).

Qualche suggerimento:

http://www.illuminations-edu.blogspot.it/2015/05/velocita-e-sinonimo-di-sopravvivenza.html

http://www.illuminations-edu.blogspot.it/2014/01/correva-lanno-1910-il-nichilismo.html

http://www.illuminations-edu.blogspot.it/2015/04/noi-esseri-umani-tutti-figli-delle.html

http://www.illuminations-edu.blogspot.it/2015/04/le-cinque-leggi-di-internet-che.html

Per quanto riguarda la tipologia A,  siete abituati a svolgere analisi di testi d’autore non noti. Comunque, ripassate il programma di italiano, cercando di richiamare alla memoria temi chiave e parole/espressioni chiave dei testi letti o dei principali movimenti  artistico-culturali affrontati. Recuperate la scheda sinottica che dovreste aver compilato nel corso delle ultime settimane di scuola, organizzata per temi/argomenti/materie. Vi aiuterà a ripassare e a rimettere in moto le idee. Rileggete le tracce degli ultimi compiti assegnati in classe, (ri)leggete i dossier di documenti, ipotizzate dei collegamenti, dei riscontri con la vostra personale “enciclopedia” di conoscenze e riflessioni.

E ricordatevi sempre: “le parole sono importanti”.

Mrsflakes

simpsons_classroom

Lascia un commento

Archiviato in Avvisi, Metodo di studio, Scrittura, Scuola

Giovani al Goldoni card

Barbier

Il Teatro Stabile del Veneto, allo scopo di “sensibilizzare e formare i giovani ai valori sociali, culturali ed educativi propri dello spettacolo dal vivo”, promuove l’iniziativa Giovani al Goldoni card, una formula di accesso agevolato riservata ai giovani di età compresa tra i 14 e i 26 anni. La card è gratuita e dà diritto all’acquisto di biglietti alla tariffa agevolata di 4 € nei settori di 3° e 4° ordine per gli spettacoli della stagione 2015/2016 del Teatro Goldoni di Venezia, fino ad esaurimento posti e previa prenotazione sul sito. Per saperne di più e per la registrazione gratuita online CLICCA QUI.

Lascia un commento

Archiviato in Avvisi, Teatro

I DATI DI EDUSCOPIO 2015

Da qualche giorno è consultabile online l’edizione 2015 di EDUSCOPIO, il portale della Fondazione Agnelli che fornisce la classifica degli istituti superiori migliori, città per città, sulla base dei risultati universitari degli studenti diplomati. Il “GALILEI” di San Donà di Piave si riconferma miglior liceo scientifico della provincia di Venezia, tra i migliori della regione Veneto. L’eccellenza dei risultati del nostro Liceo, riconfermata per il secondo anno consecutivo, è un importante riconoscimento della qualità del lavoro della scuola, degli studenti, dei docenti e delle famiglie.

7483-page-001

“L’idea di fondo del progetto eduscopio.it è quella di valutare uno degli esiti successivi della formazione secondaria – i risultati universitari degli studenti – per trarne un’indicazione di qualità sull’offerta formativa delle scuole da cui essi provengono. I risultati universitari (esami, voti, crediti) riflettono e danno informazioni anche sulla qualità delle “basi” formative, la bontà del metodo di studio e l’utilità dei suggerimenti orientativi acquisiti presso le scuole secondarie. In altre parole, i risultati universitari ci permettono di formulare un giudizio sulla qualità delle scuole secondarie superiori sulla base di informazioni che provengono da enti – gli atenei – che sono “terzi” rispetto alle scuole stesse, cioè imparziali, ma al tempo stesso molto interessati alla qualità delle competenze e delle conoscenze degli studenti”.

Lo studio si basa  sui risultati universitari di più di  700.000 diplomati dal 2010 al 2012,  valutati sulla base delle scuole superiori di provenienza. In sintesi, questi sono gli indicatori considerati:

  • Media dei voti conseguiti agli esami universitari, ponderata per i crediti formativi di ciascun esame;
  • Crediti formativi universitari ottenuti;
  • Indice FGA: è un indice che mette insieme la media dei voti e i crediti ottenuti normalizzati in una scala che va da 0 a 100, dando un peso pari al 50% ad ognuno dei due indicatori.

PER APPROFONDIRE: http://www.eduscopio.it/res/report_eduscopio.pdf

eduscopio_2015

Lascia un commento

Archiviato in Avvisi, Scuola

Dante a mezzogiorno

dante_a_mezzogiorno

“Il  Centro per il libro e la lettura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e il progetto Compita (Competenze dell’Italiano) del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca insieme all’ADI, Associazione Degli Italianisti, lanciano il progetto “Dante a mezzogiorno”, per celebrare il 750° anniversario dalla sua nascita. “Dante a mezzogiorno” è una iniziativa libera, all’insegna della creatività, che gli istituti secondari di II grado e le università potranno accogliere organizzando un evento – a mezzogiorno del 29 ottobre 2015 – di letture ad alta voce di passi dall’opera di Dante o di riflessione collettiva sul sommo poeta. Il flash-mob dantesco durerà per un periodo di tempo che può variare da 5 minuti a 1 ora”.

Lascia un commento

Archiviato in Attualità culturale, Avvisi, Dante, Poesia, Scuola

Ad scholam reditus – Back to school 2015

12-09-10-school

Lascia un commento

Archiviato in Avvisi

Invito a teatro 2015

Deus2015 (1)
Come si scrive una commedia di successo? La cosa più logica sarebbe partire dall’inizio e giungere ad un finale a effetto, risolutivo e appagante per il pubblico. Ma non è così facile. La metacommedia God di Woody Allen, scritta nel 1975 e divenuta θεύς nell’adattamento registico di Carlo Dariol, rappresenta l’impossibilità di trovare un finale di commedia che non sia assurdo come la vita stessa. In un teatro dell’antica Atene (o della nostra San Donà?), un attore, Diàbete, e un commediografo, Epàtite da Rodi, stanno allestendo un dramma che ha come protagonista uno schiavo, Fidìpide, alle prese con una pericolosa missione presso re Edipo. Non sapendo come concludere efficacemente la loro commedia, i due accettano il suggerimento dell’inventore Trichìnosi, che propone loro di usare un deus ex machina, un meccanismo che consente di far scendere dall’alto una divinità per risolvere una situazione critica altrimenti irresolubile: “Zeus, Padre degli Dei, scende drammaticamente dall’alto e, brandendo i suoi fulmini, porta la salvezza a un grato e impotente gruppo di mortali”. L’idea che θεύς-Zeus-Dio possa intervenire e risolvere con un happy end le intricate vicende terrene è spettacolare, se non fosse che… In questa commedia alla ricerca di un finale fin dall’inizio si entra e si esce dalla finzione, si susseguono trovate metateatrali e interventi di personaggi moderni, come quello di Dora Pedretti, la ragazza ebrea (il testo è pur sempre di Woody Allen!) che a sorpresa entra in scena e si ritrova a filosofeggiare e a flirtare con antichi greci. Anche il tradizionale e classicissimo coro greco rinuncia a essere tragica voce della coscienza filosofica o religiosa per diventare bisbetico e divertito contrappunto delle umane debolezze. Eppure, tra le battute dissacranti e grottesche della commedia si può sentire l’eco – seria, questa volta – dei Fratelli Karamazov di Dostoevskij: “se Dio non esiste, tutto è permesso”. E se invece esiste, quali le conseguenze? Dio è morto? E dunque? E cos’è ‘reale’? Siamo persone o personaggi, autori veri o fittizi delle nostre storie? s.f. Deus-ex-Machina

Lascia un commento

Archiviato in Avvisi, Teatro