Dante e il nascente ceto borghese. Una voce contro il degrado morale

2Maledetti-Toscani-benedetti-italiani.Cancellazione-in-tre-tempi-di-Emilio-Isgro-Dante-1000x600

Emilio Isgrò, Dante, 2014

Con la sua «Commedia» non si limitò a fondare una nuova lingua ma rivoluzionò il compito della poesia: con lui nasce l’indignazione civile

Franco Manzoni, “Corriere della Sera”, 31 dicembre 2015

A differenza di tutte le letterature del mondo, ciò che impressiona nella nostra è che il vertice sia stato subito raggiunto in senso cronologico. Dante struttura un viaggio allegorico in una prospettiva apocalittica della civiltà medievale in crisi, la realtà che sta vivendo. Con inarrivabile concezione stilistica l’autore raggiunse il sublime, trattando anche di argomenti legati all’umile e al quotidiano, tanto da eternare la Commedia. Un poeta consapevole di possedere capacità superiori, tratte dal continuo esercizio della propria attività laboratoriale, che si esplicitano nell’ardore inesausto di conoscenza, nell’alchimia della pluralità di generi utilizzati.
Vorrebbe, lo si percepisce, che il suo poema non venisse letto come una narrazione da svago, una finzione letteraria, semmai alla stregua di un evento realmente accaduto. Il metro di paragone resta la Bibbia , il libro dettato da Dio. Nessun altro autore è riuscito a creare un capolavoro così denso di valori epici, religiosi, etici, civili, politici, umani, profetici, e oggetto di varie possibilità d’interpretazione. Di conseguenza ancora adesso alcuni passi della Commedia risultano enigmatici e passibili di ulteriori indagini degli studiosi: un corpus in perenne movimento.
Dante non è semplicemente il padre della lingua italiana, colui che consacra il volgare alla dignità di lingua della cultura. La teorica del De vulgari eloquentia proviene dalla passata esperienza del poeta lirico, che sta per rendersi conto della fragilità e dell’insufficienza di affrontare soltanto l’argomento amoroso nei suoi testi. Si rifiuta di declinare l’elemento femminile nuovamente tramite un codice che riproponga la devozione eterna del cavaliere alla sua dama.
Tutto questo a Dante uomo maturo non interessa più. La Beatrice della Commedia è scelta a rappresentare un prezioso mezzo per elevarsi verso il metafisico. È tutto fuorché donna con armi di seduzione. Accompagnato prima dalla Ragione nella figura di Virgilio, di seguito il protagonista si affida alla Teologia quale guida verso l’incontro con Dio, alla visione diretta dell’Entità suprema. Lo sguardo, veicolo d’amore nella tradizione poetica medievale, si trasforma in una dimensione trascendente.
Arso dal desiderio di conoscenza, il personaggio Dante vive una incomparabile esperienza visiva. La comunicazione diviene esclusivamente luminosa, mai verbale. Perdura per pochissimo nella memoria la facoltà di ricordare. Dante fissa gli occhi nel raggio divino, fonte di vita e sapienza: chi guarda aumenta il proprio potere di conoscere. Se distogliesse lo sguardo dalla luce, sarebbe preda del buio del peccato. Non cade in estasi, non rinuncia a comprendere. Anzi, accresce le proprie facoltà sino a unirsi con l’assoluto e l’infinito eterno. Tutto questo è trasmesso in poche parole, in modo essenziale perché davvero indicibile.
Ma Dante è soprattutto la voce politica del nuovo ceto borghese, che si scaglia contro la lussuria e il degrado etico di nobiltà e clero, tutti smodatamente compresi a spartirsi il denaro derivante da tasse, elargizioni o pagamento di indulgenze. Nostro contemporaneo in tutti i sensi, il poeta denuncia la dilagante corruzione senza paura. Vittima del sistema, osa attaccare il potere e per questo è costretto all’esilio. Con una persistente tensione dinamica la narrazione procede a scorci con l’aggiunta dell’effetto straordinario dell’improvvisa sospensione.
Al contrario dell’Alighieri, l’intellettuale cosmopolita Petrarca, figlio dell’Umanesimo e massimo lirico della nostra letteratura, modello ineguagliato nei secoli, concepisce l’amore come qualcosa di terreno, origine di passione, traviamento, sofferenza e dolore. Il dissidio implicito fra Dante e Petrarca ha creato due differenti linee di approccio al linguaggio nella storia della letteratura italiana.
Così accade ora anche nella poesia contemporanea: un solco «forte», che si cimenta in forma poematica, spesso con indignazione civile, l’altro «debole», che pone in rilievo l’elemento diaristico, un certo piacere nel soffrire, intimista, abile a descrivere il tormento dell’amore inappagato.
Se volessimo trovare esempi nel mondo della canzone d’oggi Dante potrebbe essere un rocker internazionale come Springsteen o Bob Dylan, Petrarca una popstar italiana alla Baglioni, Ramazzotti o Pausini. Al di là di accezioni filosofiche, metafisiche, morali, e di analisi figurali, plurilinguistiche, strutturali, la Commedia resta l’unica opera capace di toccare il cuore a tutti i lettori, anche ai più umili. Sono molteplici le testimonianze di persone che conoscono a memoria tutta la Commedia, senza sapere il significato dei versi.
Un vero spettacolo, un esempio per i giovani quello di chi recita ad alta voce solo per la bellezza del suono, attratto quasi in senso mistico dalla musica dantesca.

Lascia un commento

Archiviato in Dante, Letteratura medievale

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...