Alla ricerca di Marcel Proust

«Basta che uno legga l’ultima pagina della Recherche, l’ultima, quella in cui lui dice: “Abbiamo incontrato questi uomini grandi come giganti negli anni”. Uno basta che legga quello, il modo in cui si accumulano in quella pagina gli aggettivi, i sostantivi e il senso del tempo per capire che lui sapeva… Proust era totalmente avvinto ai misteri della scrittura come Vermeer era totalmente avvinto ai misteri della pittura».  Flavio Caroli 

E quando ebbi riconosciuto il gusto del pezzetto di madeleine che la zia inzuppava per me nel tiglio, subito (benché non sapessi ancora – e dovessi rimandare a ben più tardi il momento della scoperta – perché quel ricordo mi rendesse tanto felice) la vecchia casa grigia verso la strada, di cui faceva parte la sua camera, venne come uno scenario di teatro a saldarsi al piccolo padiglione prospiciente il giardino e costruito sul retro per i miei genitori (cioè all’unico isolato lembo da me rivisto fino a quel momento); e, insieme alla casa, la città, da mattina a sera e con ogni sorta di tempo, la piazza dove mi mandavano prima di pranzo, le vie dove facevo qualche commissione, le strade percorse quando il tempo era bello. E come in quel gioco, che piace ai giapponesi, di buttare in una ciotola di porcellana piena d’acqua dei pezzettini di carta a tutta prima indefinibili che, non appena immersi, si stirano, assumono contorni e colori, si differenziano diventando fiori, case, figure consistenti e riconoscibili, così, ora, tutti i fiori del nostro giardino e quelli del parco di casa Swann, e le ninfee della Vivonne, e la brava gente del villaggio e le loro piccole abitazioni e la chiesa e tutta Combray e la campagna circostante, tutto questo che sta prendendo forma e solidità è uscito, città e giardini, dalla mia tazza di tè. M. Proust, Alla ricerca del tempo perduto, trad. di G. Raboni, Mondadori, Milano, 1983

madeleine cookies on white background

A. BARICCO, Palladium Lectures: Proust – Sulla scrittura.

Il questionario di Proust, da  Scritti mondani e letterari di Proust (a cura di M. Bongiovanni Bertini, Einaudi, Torino 1984). Per la traduzione CLICCA QUI.

Proust a Venezia, Maggio1900

Proust a Venezia, Maggio1900

Per approfondire: link proustiani. 

Enrico Baj, I Guermantes, 1999, acrilici e collage su tela, , 48 piccoli ritratti dei duchi di Guermantes, dei loro ospiti e amici e di Marcel Proust

 

Ugo Gregoretti intervista Alessandro Mendini  sulla genesi della sua creazione più famosa, la poltrona Proust, divenuta icona del design contemporaneo. CLICCA QUI. “Proust” armchairs are full of color and they remind you of the beauty of life, the warm of our world and the joyful nature which surrounds us. They will make your interior become more alive and will inspire you a very good mood, which will make feel comfortable and full of joy.

Lascia un commento

Archiviato in Letteratura del Novecento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...