L’onda – Die Welle

L’onda, regia di Denis Gansel, Germania, 2007. Scheda AGIS Scuola. CLICCA QUI. Il film si ispira all’omonimo romanzo di Todd Strasser, a sua volta basato sull’esperimento sociale denominato La Terza Onda (The Third Wave), avvenuto nel 1967  alla Cubberley High School di Palo Alto, California.

Mentre le antiche certezze spariscono, la potenza delle folle è la sola che veda crescere di continuo il suo prestigio.L’età che inizia sarà veramente l’era delle folle. Non più di un secolo fa, la politica tradizionale degli Stati e la rivalità fra i sovrani costituivano i principali motori degli avvenimenti. L’opinione delle folle, nella maggioranza dei casi, non contava affatto. Oggi, invece, la voce delle folle è
divenuta preponderante. Detta ordini ai re. Tanto quanto sono poco inclini al ragionamento, le folle si dimostrano adattissime all’azione. Ciò che più colpisce di una folla è che gli individui che la compongono – indipendentemente dal tipo di vita, dalle occupazioni, dal temperamento o dall’intelligenza – acquistano una sorta di anima collettiva.
Tale anima li fa sentire, pensare e agire in un modo del tutto diverso da come ciascuno di loro – isolatamente – penserebbe e agirebbe.
I diversi impulsi ai quali le folle obbediscono potranno essere generosi o crudeli, eroici o vili, ma saranno sempre tanto imperiosi che persino l’istinto di conservazione si annullerà davanti a essi.
GUSTAVE LE BON, La psicologia delle folle, 1895

Fatto caratteristico, i movimenti totalitari europei – quelli fascisti come quelli comunisti – reclutarono i loro sostenitori proprio tra questa massa di gente manifestamente indifferente, che tutti gli altri partiti avevano lasciato da parte perché troppo apatica o troppo stupida. Il risultato fu che, in maggioranza, essi furono composti da persone che non erano mai apparse prima sulla scena politica. Ciò consentì l’introduzione di metodi interamente nuovi nella propaganda.
HANNA ARENDT, Le origini del totalitarismo, Comunità, Milano 1967

Hitler aveva scritto: “I discorsi aprono il cuore del popolo come colpi di maglio”. E i suoi erano caratterizzati infatti da ritmi bellicosi, aggressivi, e comportavano un timbro di voce di grande effetto. Il pubblico assorbiva i suoi discorsi emotivamente, di essi avvertiva solo la combattività e la fede, senza afferrare il suo contenuto concreto o senza soffermarsi a riflettere sul suo significato. La folla “viveva” il discorso più che analizzarne il contenuto e per questo era difficile che si potesse porre in una posizione di distacco critico. Hitler sentì molto l’influenza dell’opera di Gustave Le Bon, soprattutto della regola per la quale il capo deve essere parte integrante di una fede posseduta in comune e per questo fece di se stesso un simbolo vivente.
G.L. MOSSE, La nazionalizzazione delle masse, Il Mulino, Bologna 1975

Le crisi globali squassano le relazioni di identità e di potere degli individui. In queste catastrofi ciascuno perde almeno una parte dei punti di riferimento cui ancorava i propri interessi concreti e il proprio posto nella società. E deve perciò reinventare un’identità positiva, vincoli di solidarietà da cui sentirsi protetto, valori che si adeguino alle sue aspettative. Ma prima ancora, deve darsi una spiegazione della crisi: perché mi trovo in una condizione così penosa? Qual è stato il nostro errore? Di chi è la colpa? Quale che sia il suo gruppo di appartenenza, questo “ciascuno” galleggia in un universo sconfinato in cui le poche certezze tramandate sono aggredite dall’incessante offerta di opinioni, credi, saperi e stili di vita. Mai le sue possibilità di scelta sono state così ampie: ma smisurate sono anche le possibilità di fallimento ed egli è spaventosamente solo al cospetto della libertà.
Nel mondo contemporaneo ogni sua scelta diventa scommessa personale, azzardo, rischio. All’angoscia da sradicamento dell’uomo moderno il secolo delle catastrofi, il Novecento, ha risposto con una copiosa offerta di maestose identità collettive. Si chiamino Razza, Nazione, Proletariato e, da ultimo, Civiltà, queste identità collettive tendono tutte a riprodurre in scala ingigantita il piccolo universo pre-moderno, il tepore della comunità chiusa, la protezione del villaggio, insomma quel mondo agevole e compatto, con un incontestato dio unico, ben piantato nel cielo e nella società, in cui l’uomo poteva orizzontarsi facilmente.
GUIDO RAMPOLDI, L’innocenza del Male, Laterza, Roma-Bari 2004

Education for death: W. Disney propaganda cartoon, 1943. CLICCA QUI.

Lascia un commento

Archiviato in Scuola, Storia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...